Parco Archeologico Religioso CELio

Parco Archeologico Religioso CELio
".... energia rinnovabile UOMO"

domenica 13 gennaio 2013


SAN PAOLO

Ci sono tanti modi di accostarsi ai Padri della Chiesa e altrettanti  sono i modi di giudicarli. Guido Innocenzo Gargano ha preferito un approccio che riesce non soltanto a far conoscere culturalmente i Padri, ma anche a farsi contagiare dal loro modo di accostarsi al dato rivelato in genere, e soprattutto al testo biblico, ritenuto fessura per eccellenza in cui insinuarsi per accedere alla conoscenza della verità.

È stato scelto Gregorio Magno perché il suo modo di reagire di fronte a un testo ritenuto ispirato ha fatto scuola per tutte le successive generazioni di credenti occidentali. Basti ricordare alcune delle sue massime più felici: Divina eloquia cum legente crescunt (le parole di Dio lievitano in parallelo con la crescita di chi le accosta); oppure: Extra tempus sed non extra mysterium (possiamo trovarci fuori dal tempo in cui sono avvenute le cose descritte dai libri ispirati, ma non fuori dal mistero in essi contenuto).

Gregorio è riuscito a rendere popolare la convinzione agostiniana che scopo delle Scritture ispirate è quello di rendere l'uomo stesso una Scrittura vivente. Da qui la bellissima massima:
Viva lectio vita honorum, cioè leggere la vita stampata sul volto dei buoni è come leggere la Scrittura ispirata divenuta vita.



Nessun commento: